Fotografando in silenzio…

Cari Membri,
ho pensato di scrivere della mia esperienza fotografica durante lo spettacolo QuaGgiù del Laboratorio Silenzio di Serena Crocco. Devo dire che è stata una bella occasione a trovare le cose nuove mentre facevo le fotografie. Racconto in breve di Serena, lei è udente e conosce la LIS, infatti si occupa della sua compagnia teatrale Laboratorio Silenzio. E’ riuscita a creare ben spettacoli formando con un gruppo di persone insieme tra sordi e udenti. Ecco è l’integrazione e ha la stessa filosofia dell’ASU in più è stata anche brava a inserire dentro i ragazzi non udenti tra oralisti, segnanti e impiantati cocleari.

Questi spettacoli che io non so come spiegarvi, diciamo che è una specie di “muto” non simile al mimo, è molto particolare dei loro movimenti e della loro luce davvero pochissima anzi quasi niente in più segnando qualcosa di LIS. Non posso spiegare precisamente i significati dei loro spettacoli perché ancora non li conosco bene. Insomma è molto muto, però i loro movimenti sono stati molto interessanti. Quest’ultimo spettacolo mi è piaciuto molto di più rispetto dei suoi precedenti spettacoli. La scena dello spettacolo QuaGgiù si trovava presso la SOS Fornace, che era un ex stabilimento della fornace, rimasta abbandonata e sembra che i centri sociali hanno occupato questo luogo per creare gli eventi degli spettacoli, ritrovi tra gli amici, gli concerti e tante cose sempre di eventi. E’ iniziato verso le 21 di sera, ci trovavamo all’aperto ma con grande freddo e tutto buio, seguivamo con i percorsi diversi in ogni scena con un foglietto come una “guida” seguendo l’ordine numerico e con una brevissima spiegazione infatti ci portavamo con le lampadine da poter leggere e anche camminare.

Invece io non mi occupavo da spettatore, ma da fotografo! Camminavo con molta attenzione a non cadere e anche dei miei movimenti senza avere le foto mosse perché c’era pochissima luce. Amavo questa a fare le fotografie nei momenti molto emozionanti, quindi man mano sono riuscito a fare le fotografie belle con molta attenzione senza sbagliare, nemmeno il rumore e neanche disturbare tra i spettatori e nemmeno gli attori. Mi trattenevo pure il mio respiro per non avere troppi movimenti da poter rischiare a “danneggiare” le mie fotografie, e tra l’altro anche la messa fuoco che li vedevo poco ma mi calcolavo la distanza tra me e gli attori dello spettacolo. Dopo 1 ora sono riuscito a completare le mie fotografie e l’ho dato con molto volentieri a Serena. Lei e suoi colleghi sono rimasti meravigliati e contentissimi! Mi è piaciuto molto a sfidare facendo le fotografie sui punti più difficili, in cui amo molto. Ho deciso che più avanti farò l’intervista con Serena perché sono molto interessanti dei suoi spettacoli sopratutto grazie dall’integrazione.

Vi invito di andare a vedere ai suoi spettacoli fatti dal Laboratorio Silenzio di Serena Crocco, è molto brava a lavorare bene!
Sono felice delle mie fotografie sono davvero interessanti con una luce molto particolari e suggestivi!

Grazie di aver letto ancora l’articolo del mio blog
Ciao!
Mirko

#amicisordieudenti
#sordi
#360ºintegrazione
#dirittisordi
#LIS
#impiantaticocleari
#oralisti
#udenti
#udenti_insieme_sordi
#nodistinzioni

Annunci

Non dobbiamo mai spingere verso l’odio…

Ciao a tutti membri!
Come sappiamo che ci sono ancora le lite tra diversi sordi. Ecco l’ho notati tra i social soprattutto in Facebook ma anche fuori dai social e anche tra le associazioni che litigano, ci fanno le cause e non si finiscono mai!

Si scoppia di brutto grazie per un semplice articolo oppure un caso per esempio da quell’immagine postata di come l’esempio del caso “SciaLis” si trattava di un corso di sci, che il comune ha investito i soldi per formare un corso con la lingua dei segni ai bambini e anche adulti dei sordi segnanti.
Dal mio punto di vista, vi dico che è un loro diritto di sapere da che cosa spiega e insegna il maestro. Appunto è un modo per superare la barriera, che secondo noi è giusto fare così altrimenti si rischiano di essere discriminati oppure esclusi dalle barriere. Dico di rispettarli e lasciali respirare la loro gioia di divertimento e vi invito a pensare ai vostri problemi sempre il campo della sordità che ci sono altri casi da risolvere. Litigare per una cosa del genere, è una grande perdita di tempo! So che litigano fra loro per le questioni di soldi, ma scusatemi una cosa. Perché non collaborate insieme in modo da ricevere i soldi da poter dividere per ognuno cosa da investire? So che non avete nulla di coraggio a collaborare insieme con gli altri sordi. Non esiste l’egoismo ma è una cosa da fare insieme perché entrambi noi siamo sempre SORDI. Oppure pensate ai vostri problemi da risolvere trattando con il governo o il comune dei vostri progetti, vi invito di lasciare e di rispettare agli altri sordi diversi da voi. Ripeto la LIS rimane come una lingua utile per alcuni sordi in difficoltà di comunicazione, sarà la minoranza ma va rispettata!
Questo caso le lite tra sordi così non avremo mai futuro, nemmeno voi perché credete che l’oralismo e l’IC siano l’unici migliori della vita. Assolutamente no! C’è in mezzo anche la LIS e ci sarà sempre in mezzo perché dovrete capire che ci sono persone che l’hanno reso utili grazie dalle loro difficoltà. Esempio un sordo-cieco o un sordo ha difficoltà di labiale per una paralisi, oppure un sordo non riesce parlare bene ecc Insomma ci sono tanti casi diversi e non possiamo giudicarli che è inutile. Un altro esempio esiste che la LIS è come la lingua madre, eccome è la mia lingua madre insieme anche l’oralismo perché i miei sono sordi segnanti e sono cresciuto in mezzo fra gli udenti. La sordità c’è ne una sola e lo sapete bene.
Vi invito a smettere di avere le illusioni, le rabbia, l’egoismo ecc che sono inutili perché queste cose si spingono verso l’odio ad un sordo diverso! Tempo perso e non avremo mai futuro. Il futuro è l’insieme, io insisterò finché smettano per stare in pace tutti insieme.
Grazie per aver seguito il mio blog!
Mirko
#amicisordieudenti
#sordi
#360ºintegrazione
#dirittisordi
#LIS
#impiantaticocleari
#oralisti
#udenti
#udenti_insieme_sordi
#nodistinzioni

Dai! Uniamoci! ;-)

Amici Sordi! Svegliatevi! Dobbiamo unirci tra tutti noi perché abbiamo un solo futuro. Vi invito a smettere di litigare e collaborare insieme! L’UNIONE FA LA FORZA!” Saremo protagonisti! FORZA ASU!

#amicisordieudenti
#sordi
#360ºintegrazione
#dirittisordi
#LIS
#impiantaticocleari
#oralisti
#udenti
#udenti_insieme_sordi
#nodistinzioni

Comunicare anche in buio!

Idea di Lorenzo, per comunicare sia con Lis che labiale!

Mirko

#amicisordieudenti
#sordi
#360ºintegrazione
#dirittisordi
#LIS
#impiantaticocleari
#oralisti
#udenti
#udenti_insieme_sordi
#nodistinzioni

Pietismo non serve nulla!

Prima di tutto non dovete sentirVi il pietismo nemmeno subire. La cosa più bella è dovrete amarvi in se stessi e gli altri. Se non si accetta come siamo fatti noi della nostra sordità, altrimenti saremo fuori o non possiamo farci nulla. So bene che è una forte frustazione ma è possibile superare con una forza di ottimismo e di fiducia. Non è mai facile comunque è fattibile. Tutto questo aiuta anche a puntare meglio a credere in se stesso per l’integrazione della propria buona filosofia!

Questo è un mio consiglio per tutti sordi dell’Italia 🙂

Mirko

#amicisordieudenti
#sordi
#360ºintegrazione
#dirittisordi
#LIS
#impiantaticocleari
#oralisti
#udenti
#udenti_insieme_sordi
#nodistinzioni

Rifiuto (meglio ancora anche noi!) seccamente la frase “Non cerco simili”

Spesso sentiamo in giro tra i social di Facebook, dell’instagram ecc. è questa frase “Non cerco simili”. Questa frase è stata molto usata dalle persone soprattutto quelli che nascondono bene le loro sordità facendoli credere di essere udenti oppure dalla loro vergogna, della propria handicap, ovviamente non sono ancora riusciti accettare la propria sordità.
Secondo me, quella frase che chiamiamo “razzismo” purché tra persone di colore che li disprezzano a causa del colore della pelle diverso. Ecco è la stessa cosa vale anche tra i sordi, ovviamente non riescono accettare vedendo ai quelli che segnano o parlano e scrivono male l’italiano e anche quelli diversi dal loro gruppo. Quindi è un fatto molto grave e comportamento infantile.
In realtà lo sanno benissimo ma non vogliono accettare, per esempio mi ripeto con moltissime volte a tutte le persone sorde che siamo sempre sordi lo stesso. Sapete il perché? E’ abbastanza semplice e chiaro, in quando andiamo a letto ci togliamo le protesi acustiche o l’impianto cocleare restano veramente sordi molto puri pertanto non sentono proprio nulla! Vale lo stesso se fanno anche gli esami di audiometria. Semplicemente le protesi acustiche e gli impianti cocleari sono solo supporti di strumenti per far SOLO sentire meglio e basta.
La cosa che dovrete sapere a tutti: Noi non siamo MAI simili a nessuno. Appunto siamo esseri umani come tutti. Ovvio che abbiamo qualcosa di comune però la parola non simili è molto brutto e disprezzativo. Semplicemente con chi va d’accordo, allora si frequenta, altrimenti no. Il Bianco e il Nero sono diversi ma si aggiunge anche il Giallo e il Rosso. I Colori diversi ma stanno insieme come umani senza discriminare nulla.
Un altro esempio, io e Laura stiamo insieme da 3 anni ma sappiate che io e lei abbiamo qualcosa di diverso? No, assolutamente! Io sono semplicemente sordo oralista e ho imparato anche la LIS quindi sto con lei che ha l’impianto cocleare. Ma stiamo insieme e condividiamo in tutto. Lei sente un po’ meglio di me ma non ci facciamo mai i problemi, quindi qual è il vostro problema?
Perciò prendete il nostro esempio che viviamo in pace e anche la parità di uguaglianza.
Ho una domanda da farvi? Un sordo (non dico segnante o impiantato cocleare) che frequenta un altro sordo sono simili?

L’ASU dice basta discriminazione! Superiamoci insieme e saremo sempre protagonisti!

Grazie di averci letto
Buona giornata
Mirko

#amicisordieudenti
#sordi
#360ºintegrazione
#dirittisordi
#LIS
#impiantaticocleari
#oralisti
#udenti
#udenti_insieme_sordi
#nodistinzioni
#norazzismo

Sogno un vero lavoro e i diritti per tutti noi sordi!

Ciao Amici!
scrivo un mio pensiero specialmente per tutti noi sordi, comunque si trattano due cose veramente fondamentali. Visto che le associazioni litigano tra di loro per scopi di interessi e obiettivi tra riconoscimento della LIS, dell’impianto cocleare, della logopedia, dei diritti e anche dei documenti delle leggi di 104 ecc.ecc.Dal mio punto di vista è una grande perdita di tempo per tutti noi sordi compreso tra segnanti, oralisti e anche impiantati. Perché in questo momento le priorità più importanti è dare un posto di lavoro per molti sordi disperati e ci sono anche dei casi tipi simili al mobbing che sono pure maltrattati male dai loro uffici oppure non li fanno crescere/evolvere a migliorare il proprio lavoro in crescita equivale con gli udenti.
Secondo me è molto importante perché si aiuterebbe a creare meno problemi della disoccupazione e dell’economia finanziaria.
Infatti non è giusto che qualcuno vivono godendo solamente grazie dalla pensione d’indennità di 545 euro al mese ignorando a cercare i posti di lavoro. Secondo me, è molto meglio che cerchino i posti di lavoro perché aiuterebbe di più a guadagnare i veri soldi grazie dal lavoro e anche aiutando allo Stato Italiano a trovare più investimenti grazie dalle trattenute di tasse sulle nostre buste paghe. Insomma siamo noi che dobbiamo rimboccare le maniche e aiutarci a vicenda per migliorare tutti noi. Per esempio, gli altri disabili di tipo ciechi, della carrozzina ecc. li vedo molto più combattenti e volenterosi a lavorare proprio personale per renderli più felici della loro vita. Ecco dobbiamo fare lo stesso anche per noi!
Rivolgo al nostro Governo di assumere di più ai posti di lavoro per tutti noi sordi, ovviamente si dovrebbe modificare anche la legge 68/99 per avere più possibilità. Certo che anche ai diversamente abili hanno loro bisogno dei posti di lavoro, ma hanno un grande vantaggio che riescono trovare i posti di lavoro molto quasi alla pari con gli udenti che possono sentire con il telefono, possono imparare la lingua inglese, possono diventare dirigente ecc..
Poi un’altra cosa molto importante, per quanto riguarda i diritti di lavoro che è più delicato e difficile rispetto a cercare i posti di lavoro, non è semplice ma è fattibile, basta avere un po’ più coraggio e combattivo per la propria vita quotidiana personale. Vi dico che è fondamentale ma non vi dico la carriera del lavoro!
So che ci sono persone maltrattati male e messi in parte per non farli crescere il proprio lavoro personale ovviamente diventare più grosso come fanno gli udenti. Anche se il lavoro è bello o meno importante o scarso, non importa, conta la propria crescita personale, bisogna combattere e chiederli più spesso e soprattutto farsi rispettare da loro!
Non abbiate paura, ma affrontate in modo correttezza e diplomatica. Se non vi è tanto possibile, basta trovare un fidato collega (basta uno solo di quello che ti trovi bene) oppure rivolgere direttamente al responsabile ovviamente il capo dell’ufficio. Quest’ultimo se non vi è simpatico o altro problema, l’unica soluzione è rivolgere alle risorse umane, che questo ufficio rispetta strettamente personale a tutti dipendenti del lavoro, certo che si rivolge anche ai sindacati ma non è detto che vi aiuta sicuramente. Se avrete problema della comunicazione, basta farsi portare l’interprete o una persona fidata che ti possa aiutare a capire meglio della comunicazione. E’ un vostro diritto e non abbiate paura!
Vi racconto un breve storia delle mie esperienze e anche dalle conoscenze, è solo un esempio 😉
Un sordo che vuole crescere il proprio lavoro, si rivolge sempre ai colleghi di che cosa parlano tra di loro oppure alle riunioni di far scrivere qualcosa di che cosa dicono o meglio ancora al fianco di un collega che l’aiuta di che cosa parlano tra di loro (so tra tante persone che è impossibile). Per collaborare bisogna avere un buon rapporto con il proprio capo/responsabile, se tutto questo non è possibile della propria crescita è come trovare un muro molto alto, basta che rivolgete alle risorse umane per battere “un pugno sul tavolo” è come una vera protesta, ma vi consiglio con senza offese personali o aggressività. Altrimenti si cerca un altro nuovo posto di lavoro in dove l’azienda si offre una nuova opportunità.

So benissimo che non è mai facile per tutti, ma è fattibile perché ci sono le testimonianze grazie dalle esperienze. Non abbiate paura, basta credere in se stesso e si arriva al traguardo! Ho pensato di scrivere per un nostro bene e se volete chiarire meglio, scrivetemi in via mail che saremo disponibili a collaborarvi.
Un’altra cosa molto più importante, rivolgo a tutte le associazioni di non litigare più anzi è una grande perdita di tempo, meglio puntare a trovare un accordo per tutti noi sordi del proprio futuro migliore! L’ASU pensa così per tutti noi, l’unione fa la forza!

Grazie di aver letto il mio post!

Ciao
Mirko

#amicisordieudenti
#sordi
#360ºintegrazione
#dirittisordi
#LIS
#impiantaticocleari
#oralisti
#udenti
#udenti_insieme_sordi
#nodistinzioni
#lavorareconisordi